martedì 2 settembre 2008

Cercasi lavoro. Più o meno disperatamente.


Chissà perchè, ma ogni governo che arriva mette mano alla Scuola.
Si vede che la trovano irresistibile.
Solo che non è che pensano a distinguersi dai precedenti (cretini, perchè ciascuno addita gli ex come scansafatiche) provvedendo a dare ordine a un settore da sempre sottovalutato, spremuto, tagliato e sacrificato.
No.
Cambiano le cazzate.
Sì, ha proprio scritto cazzate, signori e signore.
In che altro modo le chiamereste, voi, queste "pensate":

- cambiamo i voti! Basta con Ottimo/Scarso/... La scuola deve essere svecchiata! Adesso i voti saranno (rullino i tamburi!)... 4 / 5/ 6/ ...8! Uh cielo che rivoluzione!

- Ci sono troppi insegnanti? Nessuno va in pensione (mavà?!)? Ci sono troppi laureati che non lavorano? IDEA! Tagliamo! Lasciamo un' insegnante sola per ogni classe! Ah, già che ci siamo: via anche tutte quelle maestre per i bambini-coi-problemi e per gli èstracommunitari, che tanto si possono lasciare lì da soli, e stanno buonibuoni.

- Ci sono insegnanti preparatissimi che però non hanno lavoro? Soluzione: si tolgono i corsi che permettono di avere l'idoneità all'insegnamento, perchè no?! Così risparmiamo anche un altro po'di soldi. Che son tempi duri, questi. Nessuno compra più. I bamboccioni non comprano casa, stanno tutta la vita da mammà.

Eh sì. Menomale che ci pensano loro a svecchiare questa brutta scuola.

14 commenti:

ilbusca ha detto...

Mia mamma è andata in pensione. Manda il curriculum alla scuola media di Varallo.

Pilar ha detto...

ecco. Pilar NON PUO' insegnare alle medie.

Anonimo ha detto...

Ma cume no??? Laureata=puoi insegnare dove ti pare. Il mio prof. di Topografia è un ingegnere civile che all'epoca aveva 28 ANNI e già due cattedre! Adesso oltre ad insegnare (ne avrà suppergiù 43 di anni) fa la libera professione. Ed non era certo una cima di professore.

Pilar ha detto...

guarda, "laureata=puoi insegnare dove ti pare" è un'utopia. spero fortemente che tu non ti stia laureando per insegnare...

dottoressa A. Fabiani ha detto...

"l'aureata = puoi inzegniare" funziona come "la dai via = diventi importante ala tele". io lò data a tuti epure facio solo stronzatte.

ALittaM ha detto...

Scuole private? Lì si fanno meno problemi e dovrebbe essere più facile...

Pilar ha detto...

guarda, non si fanno neanche problemi a NON pagare gli insegnanti (o a dare loro una miseria)...

ALittaM ha detto...

Sisi, lo so, ma se la situazione è grama ogni alternativa è da considerare. In alternativa insegnare italiano per stranieri, o dare ripetizioni private, o altre cose del genere.

Pilar ha detto...

le fa già, le altre cose. è la stabilità, che manca.

ilbusca ha detto...

Scherzi a parte: prima ancora che mi laureassi (mi mancavano 3 esami), una scuola SUPERIORE mi ha chiesto se volevo fare una supplenza annuale.

ilbusca ha detto...

E comunque se vuoi un lavoro STABILE molla subito l'insegnamento e fai un lavoro più "normale". I lavori "normali", cioè quelli stabili che durano a lungo a meno di fallimenti, sono sostanzialmente 3: l'operaia, la segretaria o l'impiegata generica.

Pilar ha detto...

a meno di fallimenti??
oddio, ma non esiste lavoro stabile!!
ohmmioddìììo!!

ilbusca ha detto...

Intendevo che quei lavori lì, a meno che l'azienda per cui lavori non fallisca oppure tu faccia una minchiata colossale, durano per tutta la vita.
Comunque nulla è certo, ma se sei abbastanza intelligente un lavoro lo trovi sempre.

francina ha detto...

Io voglio solo vedere la Fra "tuttofare"......argh.