venerdì 19 settembre 2008

Parola d'ordine: assecondare. Sempre e comunque!


Maestra, posso raccontarti una cosa?

---Ok.

Eh. C'era un cavaliere che si chiamava Tesso. Anzi, no. TESEO. Che era grande e fortissimo. Poi c'era una che si chiamava Arianna, che stava in un labirinto.

---Perchè stava in un labirinto?

Perchè il suo papà era un minotauro, quindi aveva la testa di toro, quindi era nel labirinto.

---Ah già. Non fa una grinza.

Allora Teseo vuole liberare Arianna, e Arianna gli dà un filo.

---Allora Arianna e Teseo si conoscevano già?

Sì, erano stati a una festa. Che c'era anche Dedalo.

---Dedalo?

Sì, ma qui parte un'altra storia, che se vuoi te la racconto dopo, adesso finisco questa.

---Sèh.

Allora, Arianna dà un filo a Teseo e lui trova la strada per uscire dal labirinto. Così esce e se ne va via.

---Ma perchè era entrato nel labirinto?

Eh, perchè c'era Arianna.

---Allora perchè esce dal labirinto senza Arianna?

(pensa, pensa...) Bè, si vede che non era poi tanto bella!

3 commenti:

Fede Zik ha detto...

Ma che genio! :-D

Pilar ha detto...

lo so, grazie!


=D

francina ha detto...

quanta saggezza in questi piccoli cervellini!